Cerca

8 momenti da curare per un'esperienza ristorativa oltre le aspettative

Il COVID sta cambiando e ha cambiato il modo di fare ristorazione. Per certi versi ha portato a cambiamenti di cui chi nella ristorazione ci lavora e consapevole, per altri invece ci lascia un po' disorientati e senza un'idea precisa di cosa fare per essere a passo con le esigenze del cliente e garantirgli un'esperienza all'altezza, se non oltre, le aspettative.


Quali sono allora gli 8 momenti in cui curare l'esperienza del cliente?


1. La ricerca del locale

Ancor prima di avere un cliente sull'uscio della tua attività è indispensabile curare il modo in cui il tuo locale sarà individuato.

Già prima della pandemia, la scelta di un locale avveniva in modo digitale. Necessario quindi "esserci" e farlo al meglio, non solo per farsi trovare sul web, ma per comunicare già un'idea positiva del locale, invogliando il potenziale cliente e dando già un assaggio dei momenti che potrà vivere.

In questa fase, concentrati su:

  • pagine social e interazione con la community

  • presenza qualificata su motori di ricerca (es. Google, con Google My Business)

  • studio di cosa i tuoi potenziali clienti cercano e come puoi soddisfare le loro domande.


2. L'ingresso e l'accoglienza

Supponiamo quindi tu abbia trovato qualcuno che ha deciso di provare l'esperienza che hai da offrire, la prima tappa obbligata che il tuo cliente farà arrivando al locale è l'ingresso.

La visita al tuo locale parte da qui, è un preambolo di cosa ci sarà da aspettarsi durante tutta l'esperienza. Quindi:

  • rendi l'ingresso un momento di accoglienza e un bel biglietto da visita

  • cura dettagli anche esterni come vetrina, insegna, porta d'ingresso


L'accoglienza del cliente deve avvenire in modo positivo. Dev'essere un momento progettato, nei gesti del personale e nell'ambiente, e non lasciato al caso:

  • cura il percorso che il cliente farà e anche aspetti come gli arredi che lo circonderanno

  • accompagnato l'ospite a tavola e prima di indicare il menù, offri un piccolo omaggio della casa, che sia un aperitivo o un intrattenimento

Il fine è uno solo: far sentire il cliente un ospite gradito.


3. La sistemazione dei tavoli

La pandemia ha imposto regole ben definite circa la disposizione dei tavoli e i percorsi consentiti all'interno del locale. Fondamentale che le norme siano rispettate. Perché? Perché trasmettono al cliente al tavolo sicurezza, serietà dei proprietari del locale e rispetto nei suoi confronti.

La sicurezza sanitaria percepita è forse, in questo periodo, un aspetto che può fare da discriminante sul locale in cui decidere di tornare e su quale invece scartare fino a tempi più tranquilli. Curare la sistemazione del cliente può richiedere forse meno impegno di quanto non possa essere offrire un prodotto indimenticabile, ma contribuisce, ora soprattutto, quasi con la stessa importanza, a invogliare il cliente a ritornare.


Separare i tavoli eviterà quindi affollamenti critici per i propri clienti, contribuendo a un'esperienza piacevole e sicura. Oltretutto, il beneficio non è solo di carattere sanitario, ma un maggior distanziamento tra tavoli consentirà ai tuoi ospiti di poter parlare ai commensali con un tono di voce che garantisca relax e privacy (aspetto che si perde in locali più affollati) e di evitare contatti forzati con tavoli vicini, oggi più che mai indesiderati.


4. Il menù

Il menù non è solo uno schema su un foglio rilegato o su una pagina web. Il menù racchiude una storia ad ogni voce, il menù contribuisce a rendere unico il proprio locale.

E' necessario quindi che la scelta del cliente non solo sia una scelta guidata, ma che il momento di consultazione del menù sia una narrazione delle preparazioni e delle storie che portano con sé. Assisti quindi il cliente nella scelta, comprendi ciò che sta cercando e aiutalo a orientarsi.

Utilizza questo momento per presentare i prodotti più freschi quel giorno, le scelte dello chef, i prodotti distintivi del locale o quelli che arrivano da produttori del posto. Aiuterai in questo modo il cliente a fare una scelta più consapevole e a sentirsi meno disorientato.


Questo non vale solo per l'offerta di cibo, ma è indispensabile anche per la tua carta dei vini: ogni vino ha la sua storia e le sue caratteristiche, è importante che il cliente scelga la bottiglia immaginando già la storia che quella bottiglia saprà raccontargli.

Per migliorare questo aspetto, noi di eBacco abbiamo creato un negozio online da cui puoi rifornire di vino il tuo locale, nel quale ogni pagina prodotto racconta la storia della bottiglia, da chi quel vino è stato creato, di come è stato prodotto, del suo profumo e del suo gusto.

eBacco ti offre anche consulenze personalizzate per capire come costruire la tua carta dei vini e come raccontare i vini che offri al tuo cliente.


5. L'attesa

Assicurati che l'attesa abbia tempi definiti e non risulti né troppo corta né estremamente prolungata.

Un'attesa breve comunicherà un'assenza di preparazione delle portate ordinate (a meno che non si parli di antipasti freddi). Un'attesa prolungata, d'altro canto, farà perdere al cliente l'acquolina e lo stimolo a mangiare/bere innescato al momento dell'ordinazione, perdendo di conseguenza, un contributo importante alla percezione positiva dell'esperienza.

Programmare scientificamente i tempi di attesa ti sarà possibile o studiando un frazionamento degli ingressi adeguato o aumentando gli spazi e il personale in cucina. Rimpinguare il tuo cliente con pane e grissini, come con i colombi in piazza San Marco distrarrà certo il cliente dall'attesa, ma lo porterà prima a sentirsi sazio, con conseguente perdita dell'appetito e perdita di voglia a ordinare portate successive.


5. Il servizio

Il personale di sala deve offrire non solo un servizio tecnicamente impeccabile (rapido, efficiente e cordiale), ma l'ideale sarebbe garantire quel quid in più, quella complicità amichevole nel servizio che faccia sentire il cliente coccolato.

Cura quindi il vestiario e la pulizia nel servizio, cercando di trovare dell'originalità nel modo in cui il cliente vede il tuo personale. Non solo, assicurati che il tuo personale sia formato a dovere sui prodotti offerti, per poter trasmettere competenza e professionalità al commensale.


6. Il consumo

Il consumo non è un momento durante il quale dimenticarsi del cliente al tavolo.

E' anzi in questa fase che si può scegliere di far intervenire al tavolo lo chef e il maitre per aggiungere altri dettagli ai piatti in degustazione, ed è anche in questa fase che l'occhio del personale incaricato alle bevande (nei casi di locali più strutturati saranno i sommelier) dovrà essere attento a rabboccare i calici quando vuoti e assicurarsi che il cliente abbia sempre una bevanda che accompagni il pasto.



7. Il pagamento

Il momento forse più "doloroso" dell'esperienza è il pagamento, non per la somma ma per il gesto in sé.

Si può quindi provare ad allietare questa fase, non tanto offrendo uno sconto (che andrebbe a svalutare l'esperienza offerta), ma giocando su un piccolo omaggio o offrendo un compenso per una visita successiva. Qualsiasi piccolo gesto può distrarre dal dolore del pagamento. E' fondamentale studiarne uno coerente con il proprio locale.


8. L'uscita dal locale

E' qui che termina l'esperienza del cliente all'interno del locale. Basterà un saluto cordiale, che rimandi a quel senso di amichevolezza durante il servizio, per contribuire a creare un ricordo positivo dell'esperienza nella mente del cliente, che potrebbe decidere quindi di condividerla, sul web o nella sua cerchia di conoscenze, stimolando un passaparola positivo a beneficio del locale.

Importante ricordare che, se quel nuovo cliente si trasformerà in un cliente abituale, un valore aggiunto estremo lo darà avere a mente, durante tutte le fasi dell'esperienza, le sue preferenze. Sarà la chiave per far sentire l'ospite davvero a casa.


Ti è piaciuto questo articolo? Nella tua attività hai delle pratiche caratteristiche che aiutano il tuo locale a distinguersi e a far breccia nel cuore dei tuoi clienti? Faccelo sapere nei commenti!

14 visualizzazioni0 commenti
ebacco_2.jpg
  • Telegram
  • TikTok
  • Facebook
  • Instagram
  • LinkedIn
  • Mastercard
  • Visa
  • Iban
  • Paypal
  • Stripe

Spedizione express € 9/produttore + IVA

Gratis per ordini oltre € 349 + IVA

EBACCO S.R.L., P.IVA 12417650012 , Torino (TO), Italia - ©2020 by eBacco.